Bio in Tavola 2014


La quinta edizione della rassegna gastronomica lombarda Bio in Tavola comincerà domani 28 Febbraio coinvolgendo 14 ristoranti e locali delle province di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lodi, Milano. L’evento, organizzato dall’Associazione Lombarda Agricoltori Biologici e Biodinamici La Buona Terra, prevede una serie di menu interamente biologici e provenienti dalle aziende agricole associate: saranno disponibili tutti i week end dal prossimo al 28-29-30 Marzo nel ristoranti del circuito Bio in Tavola. In alcuni ristoranti inoltre i produttori de La Buona Terra saranno disponibili per illustrare ai consumatori i principi dell’agricoltura biologica.

Biopasticceria Anita di Bio in Tavola

La biopasticceria Anita di Bergamo

Tra le novità dell’edizione 2014, un’iniziativa mirata ad avvicinare al biologico anche i più piccoli. La bio particceria certificata Anita propone nei week end dell’evento (fatta eccezione per domenica 9 Marzo) una biomerenda con succo di frutta e dolci biologici vari. Una buona occasione per conoscere i prodotti della pasticceria, preparati esclusivamente dalla titolare nel laboratorio del locale e con ingredienti biologici e certificati.

Sempre a Bergamo, segnalo anche il menu del ristorante Il Villino D’Erika dove può trovare piatti biologici e ingredienti di alta qualità anche chi segue la dieta vegetariana e vegana e chi ha intolleranze alimentari. Nel ristorante è presente anche un angolo Bio Shop con prelibatezze da portare a casa o regalare e un piccolo assortimento di prodotti a tema che variano a seconda dalla stagione.

I Magiari della Strada di Bio in Tavola

I Magiari della Strada, ristorante bio della periferia ovest di Milano

Un altro indirizzo interessante da scoprire grazie a Bio in Tavola è Milano, in via Lorenteggio all’estrema periferia ovest: il ristorante Magiari di Strada. Giuseppe Zen, patron del locale, cerca di coniugare alla qualità delle materie prime bio un prezzo onesto e questo è già un motivo di eccezione in un panorama milanese troppo chic e molto poco popolare.

Il caratteristico tabellone propone piatti della tradizione culturale gastronomica italiana con verdure, carni e pesce frutto di un’attenta ricerca e che mediamente richiedono, nel capoluogo meneghino, un investimento economico cospicuo.

Per tutti gli altri locale aderenti all’iniziativa tutte le informazioni possono essere reperite sul sito di Bio in Tavola e ai link di ogni ristorante contenuti nel programma.

 

 

 

 

 

 

Share this:
Share this page via Email Share this page via Stumble Upon Share this page via Digg this Share this page via Facebook Share this page via Twitter